Nicola G. Tramonte nasce ad Orsara di Puglia (FG) nel 1956, consegue la maturità artistica e la laurea in architettura al Politecnico di Torino, discutendo la tesi “Lettura ambientale ed ipotesi di recupero del centro storico di Orsara di Puglia”.

Da sempre appassionato di fotografia, nel 1986 inizia l’attività di architetto.

Nel 2006 pubblica il volume “Progetti e Architetture 1986 _ 2006”, nel 2008 “Fotografie 1972_ 2007” e nel 2016 “Consegna di un Mondo”.

Nel 2010 la galleria con[fine] di Apricena organizza la mostra curata da Tiziana Di Sipio e Grazia Villani e presentata da Domenico Potenza ARCHITETTURA A COLORI il mondo di nicola g. tramonte, sempre nel 2010 partecipata al Marble Architectural Award e nello stesso anno “la cantina Paradiso” è selezionata all’evento collaterale della 12a BIENNALE di ARCHITETTURA di VENEZIA dal titolo “LE CATTEDRALI DEL VINO”.

Sempre nello stesso anno la cantina paradiso è selezionata per la prima edizione di CON[TEMPORANEA] premio di Architettura per la Capitanata. Per la sezione “committenza privata”, nel 2011 la “villa di campagna di Peppe Zullo” è segnalata al PREMIO APULIA. Nel 2012 un suo progetto viene presentato al Padiglione Italia alla 13a Mostra internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.

Nel 2013 la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO assegna l’attestato di merito “per aver mirabilmente costruito con Villa Jamele un’azienda a bassissimo impatto ambientale”.

Dal 2011 al 2017 é stato coordinatore della Commissione Cultura dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Foggia e dal 2014 al 2017 è stato componente della Commissione Cultura della Federazione Regionale degli Ordini degli Architetti P.P.C. della Puglia.

Attualmente è Presidente dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Foggia.

Vive e lavora ad Orsara.